Perché ci sarà una stampante 3D in ogni casa

Nel 2005, una delle iniziative tecnologiche che ha dimostrato la maggiore capacità di cambiare il panorama tecnologico globale nella storia recente ha iniziato a svilupparsi. Questo è il progetto RepRap, una stampante 3D progettata per essere auto-replicata e promossa all’interno del movimento Open Source, con l’obiettivo di raggiungere la collaborazione di molte persone nel suo sviluppo. Il risultato non è stato migliore finora. Quello che iniziò nel 1983 quando l’inventore Chuck Hull sviluppò il primo metodo di stampa 3D chiamato stereolitografia, è diventato popolare grazie al lavoro svolto da Adrian Bowyer, professore di ingegneria meccanica presso l’Università di Bath nel Regno Unito, e creatore di RepRap .

RepRap

RepRap è nato con l’idea di creare la prima macchina auto-replicante per uso generale dell’umanità. Questa idea si materializza come una stampante 3D gratuita, in grado di stampare oggetti di plastica. Poiché molte delle sue parti sono in plastica e la macchina è in grado di stampare quelle parti, RepRap può auto-replicarsi creando una nuova squadra di se stesso, una squadra che chiunque può assemblare se ha il tempo e i materiali necessari. Questo significa anche che se hai una RepRap puoi stampare molte cose utili e puoi anche stampare una RepRap per un amico. La terza iterazione del design della stampante ha portato al modello Prusagrazie al quale è stata possibile la divulgazione a livello sociale e commerciale della stampa 3D in cui ora ci troviamo. Il rilascio del codice sorgente e dei progetti di Prusa ha reso più semplice per molte aziende l’avvio di stampanti 3D, che ha consentito l’accesso a questa tecnologia in modo conveniente ed economico. È il caso della società spagnola BQ che da qualche tempo ha venduto il modello Prusa i3 Hephestos al prezzo di 500 euro, che è abbastanza abbordabile per tutti coloro che vogliono entrare nel mondo della stampa 3D, come ad esempio le persone chiamato ” makers “”Coloro a cui piace progettare e produrre i propri prodotti, che è diventato un importante movimento sociale che avrà una interessante proiezione futura.

Su queste basi si basa uno dei più importanti fenomeni tecnologici del momento e che più utilità possono offrire per la progettazione, produzione e riparazione di obiettivi, al punto che potrebbe cambiare completamente il modo in cui acquistiamo e consumiamo i soliti oggetti del nostro giorno per giorno. Vediamo di seguito le utilità che la stampa 3D offre attualmente e in che modo possiamo trarne vantaggio sia a un livello particolare che a livello aziendale.

Le ragioni del successo che la stampa 3D sta ottenendo:

1. Movimento Open Source : una delle leve che ha maggiormente aiutato lo sviluppo delle tecnologie di stampa 3D e la successiva divulgazione, è stata la decisione presa da RepPap di rilasciare i suoi disegni e codici operativi sotto la licenza GNU, che ha incoraggiato Molte altre persone e aziende collaborano per estendere il progetto. Allo stesso modo, le sinergie con altre iniziative Open Source, come Arduino, sono state molto importanti, poiché in breve tempo le stampanti 3D sono state in grado di estendersi a tutti i tipi di luoghi e attività. Se non fosse stato per questa decisione, sicuramente l’evoluzione delle tecnologie di stampa 3D sarebbe stata molto più lenta e non avrebbe prodotto un impatto così importante a livello sociale come stiamo ora assistendo.

2. Community Maker : è impressionante vedere come migliaia di persone hanno iniziato a condividere conoscenze e collaborare a nuovi progetti utilizzando le stampanti 3D come strumento e con l’asse comune della loro passione per creare nuovi prodotti con cui risolvere i propri bisogni o di altre persone. Queste comunità sono state organizzate sia faccia a faccia negli spazi di lavoro denominati Fab Lab e Makerspace, sia nelle comunità online. In queste comunità, di cui Thingiverse e MyMiniFactorysono i principali esponenti, possiamo trovare una grande quantità di contenuti utili, come i manuali di utilizzo di stampanti 3D e disegni di tutti i tipi di oggetti condivisi da scaricare e stampare dagli utenti.

3. Crowdfunding : in parte come risultato dei due punti precedenti e grazie anche al modo in cui il finanziamento collaborativo sta lavorando per commercializzare nuovi progetti hardware, negli ultimi anni abbiamo visto un buon numero di stampanti 3D e accessori, hanno avuto successo con le loro campagne di crowdfunding. Alcuni di questi prodotti si trovano sulla piattaforma Kickstarter: The Micro (3,4 milioni di dollari), Tiko (2,9 milioni di dollari), Flux (1,6 milioni di dollari), The Buccaneer (1,4 milioni di dollari). dollari) e LIX – La penna da stampa 3D circolare più piccola. Al di fuori delle piattaforme di crowdfunding, ma anche ricorrendo alla modalità di pre-vendita del prodotto, troviamo il progetto Glowforge che afferma di aver raccolto oltre 28 milioni di dollari per realizzare la sua stampante laser 3D. Inoltre, la stampa 3D ha anche aiutato il crowdfunding stesso, poiché ha permesso a molte persone di creare prototipi, in modo rapido e molto economico, dei prodotti per i quali stavano cercando finanziamenti.

4. Versatilità: Poche persone avrebbero potuto immaginare che la stampa 3D potrebbe avere tanto di viaggio come ha dimostrato in un tempo così breve, e che probabilmente non hanno visto l’inizio di ciò che questa tecnologia può assumere nel mondo industriale, di fronte alla produzione di tutti i tipi di prodotti. Grazie alle stampanti 3D e ‘stato possibile per migliaia di persone di dare libero sfogo alla loro fantasia per ideare nuovi modi per la fabbricazione di prodotti, che fino ad ora potevano essere realizzati solo attraverso sofisticati processi industriali, che spesso potrebbero rivelarsi costoso e inefficiente . L’uso di stampa 3D per creare i prodotti più diversi, come ad esempio le protesi, caramelle, gioielli, parti industriali, … o componenti per la costruzione di oggetti di ogni genere,

5. Nuovi materiali : lo sviluppo di nuovi materiali che possono essere utilizzati con le stampanti 3D ha anche avuto uno sviluppo importante e sta contribuendo a ampliare notevolmente le possibilità di utilizzo di stampa 3D per tutti i tipi di attività e prodotti. ABS e PLA sono i materiali più conosciuti e utilizzati, ma possono anche essere stampate con altre materie plastiche come PET o nylon. Anche i tipi di materiali sempre più appaiono, come nuovi tipi di estrusori in grado di stampare, per esempio, metalli, ceramiche o addirittura in legno. Vale anche la pena conoscere il materiale Filaflex, sviluppato dalla società spagnola Recreus, come un filamento elastico fabbricato da un TPE con una base in poliuretano e con additivi che facilitano la stampa 3D. Grazie a questo filamento puoi stampare prodotti come scarpe e vestiti.

6. Nuovo sistema di produzione : quando la stampa 3D ha iniziato a muovere i primi passi nessuno poteva immaginare che avrebbe raggiunto i livelli di sofisticazione che stiamo attualmente controllando. Quindi la stampa 3D sta dando luogo alla possibilità di nuovi sistemi di produzione che prima erano impossibili da realizzare. Questo è il caso della produzione di parti articolati disegni molto complessi come quelli basati su celle, che vengono utilizzati ad esempio per la produzione di ossa artificiali. Questo è possibile grazie al lavoro di stampanti 3D per la stampa attraverso gli strati in modo che si può andare in sovrapposizione con grande precisione, per ottenere l’oggetto desiderato e che non è possibile da un unico pezzo, un altro metodo di produzione.