La stampa 3D, la faccia del futuro

La stampa tridimensionale è già utilizzata per la produzione di oggetti domestici e industriali, in un mercato in cui eccellono le PMI e gli imprenditori locali. Che cos’è e come viene implementato.

La stampa in tre dimensioni (3D) viene ampliata dalle aziende a un ritmo vertiginoso ed è considerata un sinonimo per il futuro. Oggi è possibile progettare pezzi di qualsiasi dimensione sul computer e farli diventare realtà in pochi minuti. Ai progressi tecnologici e alla diffusione di migliori e maggiori informazioni sull’argomento, si aggiunge la crescita delle PMI e dei progetti legati alla materia.

Ma perché mai un uomo d’affari dovrebbe essere interessato al mondo della stampa 3D? La risposta degli esperti consultati dal multitasking, è che ci sia un “grande quantità” di applicazioni di stampa a tre – imprese industriali dimensionale o di servizio, che, tra le altre cose, aiuta il tempo la velocità, ridurre i costi ed evitare rischi inutili i processi.

La stampa 3D genera anche opportunità di business come mai prima d’ora: oggi basta un’idea e il desiderio di sperimentare per realizzarlo. Lo sanno in Kikai Labs, che è nato poco più di tre anni fa ed è dedicato al campo. È stato il suo fondatore, Marcelo Ruiz Camauër, a inventare l’idea di creare una stampante 3D progettata e prodotta in Argentina. Con dedizione lo ha raggiunto e oggi il suo obiettivo è quello di prendere stampe 3D per ogni casa e trasformare questa tecnologia in qualcosa di possibile da usare.

Uno studio garantisce che una famiglia media può risparmiare fino a $ 2000 all’anno, stampando oggetti comuni.
“È un nuovo modo di fabbricare le cose, che ci consente di fare in modo efficiente ciò che non è possibile. È più sostenibile e rispettosa dell’ambiente oggi offrono come un prodotto, non per hobbisti, ma per le imprese e le organizzazioni, “dice il multitasking Ruiz Camahuer, oggi amministratore delegato di Kikai Labs, che ha già venduto più di 200 unità.

L’esecutivo presenta al mondo che questa invenzione descrive: “Questo tipo di tecnologia è un grande equalizzatore di opportunità di lavoro locale e design locale, per gli imprenditori e inventori e competere a livello globale”, riassume e continua a rivedere “cosa È fondamentale crescere in questo tipo di imprenditorialità “.

“Serve più sostegno statale, ma non in termini di sussidi, ma acquisti per college, università e laboratori. Ciò consente di ridurre i costi per le aziende e affrontare il proprio sviluppo “. Come proiezione, scommetto che la creazione di grandi strutture immobiliari o anche mobili, realizzati in 3D, per continuare ad esplorare quell’area.

Domanda di costi
Avere a disposizione una stampante 3D consente, potenzialmente, di stampare a casa o in azienda qualsiasi input precedentemente acquistato. Uno studio del 2013 della Michigan Technological University (MTU) assicura che una famiglia media può risparmiare fino a $ 2000 all’anno stampando oggetti comuni. Pertanto, in un solo anno ci sarà un rendimento degli investimenti di oltre il 200%. Una casa potrebbe stampare da una scopa a una penna d’oca. È anche possibile creare porte e finestre e in futuro ci si aspetta che intere case possano essere costruite con questa tecnologia.

Alla ricerca di esplorare gli usi infiniti di questa proposta, i membri di El Reactor, uno studio di ingegneria e design, realizzano progetti utilizzando questa tecnologia, che definiscono come “trasformativi per la società”.

” Noi realizziamo progetti di costruzione, la produzione, le comunità eventi creativi, e l’innovazione e l’imprenditorialità dalla fusione di tecnologia e arte, ” spiega José Huidobro al multitasking, che, dopo aver conoscere il mondo della stampa 3D sulla parte esterna, nel 2011 ha avviato l’impresa Rep-Rap Argentina. Nel 2012, ha vinto il concorso Buenos Aires Emprende (BAE) 2012 e, con questo contributo finanziario, ha iniziato la costruzione di una comunità di produzione digitale utilizzando le stampanti 3D Rapid Reproduction (da qui il nome “Rep-Rap”). Il Reactor è nato quando si associava al produttore audiovisivo Ramiro Marquevich. Da lì, addestrano e incoraggiano le parti interessate a sperimentare con queste stampanti in tutti i tipi di disciplina e arte.

“Formiamo e generiamo le nostre competenze, perché coloro che seguono corsi con noi sono i futuri imprenditori della stampa 3D. Lo facciamo perché crediamo nell’aggiungere le persone in modo che nascano altre idee e quindi generare nuovi progetti insieme “, afferma.
Entrambi concordano sul fatto che esiste un interesse sociale e anche a livello di “agenda setting”. Grazie alla conoscenza della creazione di una protesi motoria per mezzo di questa tecnologia, la diffusione e la conoscenza di questa pratica è stata approfondita.

Tra le chiavi per conoscere questa tecnologia, citano lo studio dettagliato “le informazioni che esistono sull’argomento per entrare, fare un corso di modellazione, costruire la propria stampante e iniziare a stampare analizzando le utilità”. Marquevich dice che è un “processo positivo: professioni di potere e generare nuovi posti di lavoro. Non è che la macchina sostituirà un essere umano, perché per utilizzarli sono necessarie almeno cinque persone addestrate. ”

Produzione nazionale
In Argentina, pezzi con design industriale, giocattoli, parti di progetti speciali e persino oggetti di artigianato sono prodotti con questa tecnologia. Le stampanti vendute da The Reactor costano $ 15.000 e sono state costruite, in parte, da altre stampanti 3D. Nell’azienda offrono corsi per imparare come progettare la stampante in base a ciò che si desidera produrre. In questo caso, il costo è $ 13.000. In El Reactor forniscono tutti gli elementi necessari e in “quattro giorni” l’obiettivo è raggiunto, i suoi fondatori promettono.

Come esempio di ciò che può essere raggiunto, il reattore ha iniziato di recente nella stampa ceramica 3D. Il proprietario di un laboratorio di ceramica a Mendoza li ha chiamati e come squadra hanno fatto progressi in merito: “Non ci sono molti che si avventurano nella stampa 3D e che deve essere letto come un invito a lanciare perché c’è un sacco di terreno da esplorare”, hanno finito.

Anche al Metropolitan Design Center (CMD) c’è un laboratorio di produzione digitale aperto alla comunità, che offre la possibilità di sperimentare e realizzare progetti utilizzando tecnologie innovative, lavorando in modo collaborativo e in rete. Nel corso del 2013 sono stati forniti i primi corsi gratuiti sulla stampa 3D e la sperimentazione di materiali.

D’altra parte, insegnanti e studenti della carriera di Industrial Design dell’Università Nazionale di Lanús (UNLA) hanno lavorato per mettere in funzione una macchina da stampa 3D a basso costo. Per questo hanno adattato un modello di manifattura belga che stampa in plastica, in modo che faccia impressioni in ceramica con l’obiettivo di ridurre i costi nei materiali. Il progetto è realizzato attraverso un gruppo di lavoro aperto alla comunità, chiamato Minga Lab, composto da studenti di età compresa tra i 26 ei 44 anni.