Stampanti 3D, la terza rivoluzione industriale?

Si trasformano in progetti di oggetti reali in modo rapido, semplice ed economico. La nuova era dell’innovazione e della produzione industriale viene stampata in 3D.

Daniel Omar si è preso cura delle sue mucche di famiglia nel Sudan meridionale quando una bomba lo ha lasciato a 14 anni senza entrambe le mani. Si stima che il conflitto armato nella regione abbia provocato circa 50.000 amputazioni. Dopo aver conosciuto la storia, il produttore audiovisivo e il filantropo americano Mick Ebeling hanno lanciato il “progetto Daniel”. Il loro obiettivo: creare una protesi per meno di cento dollari per Daniel1 e altre vittime. Il design è stato reso privo di brevetti e la tecnologia di stampa 3D ha fatto il resto. L’ospedale Nuba Mountains ha ora un laboratorio che ha fabbricato un avambraccio artificiale per Daniel e altri che non potrebbero altrimenti permettersi una protesi convenzionale.

L’idea delle stampanti 3D è tanto semplice quanto rivoluzionaria. Consiste nella creazione di oggetti fisici da un file precedentemente modellato su un computer. “Non ho intenzione di diventare banale e di dire che puoi fare tutto ciò che puoi immaginare, ma la stampa 3D ha l’immenso potenziale di fare molte cose in modo diverso, pura innovazione. Il meglio deve ancora essere scoperto. Inoltre, in combinazione con uno scanner 3D, le applicazioni si moltiplicano. ” Queste sono le parole di Jon Bengoetxea, capo di Tumaker, una società con sede a Oiartzun (Gipuzkoa) che ha sviluppato ‘Voladora’, una stampante 3D con tecnologia basca al 100%.

Diversi analisti e media come The Economist puntano a 2 stampanti 3D come il capo visibile di una “Terza rivoluzione industriale”, in cui si impegna a qualità, innovazione e prodotti realizzati localmente, su piccola scala e personalizzati. Il giornalista e imprenditore di Internet Nicolás Boullosa spiega 3 che “le grandi fabbriche installate nei paesi emergenti, il risultato di economie di scala, daranno risalto ai laboratori professionali, sempre nei paesi sviluppati”.

“La stampa 3D può risolvere, e in effetti, molti problemi in diversi campi della scienza e della tecnologia”

‘The Open Shoes’ sarebbe, seguendo questo criterio, un’iniziativa di questa nuova era industriale. Selezionato per la sua originalità da Innobasque, l’Agenzia basca per l’innovazione, propone di portare le calzature per il benessere dei cittadini, in modo che chiunque possa avere una scarpa adattata alle loro caratteristiche fisiologiche. Secondo uno dei suoi promotori, Javier Bustamante, “la stampa 3D può risolvere, e in effetti sta facendo, molti problemi in vari campi della scienza e della tecnologia. E serve per accelerare ed economicizzare molti processi.

Qualche anno fa, per un prototipo di un prodotto, ci sarebbero voluti mesi o addirittura anni e, se fosse stato necessario modificarlo, ha causato costi molto elevati che hanno costretto molte persone a rimanere sulla strada. Al giorno d’oggi, una volta progettato, può essere stampato in poche ore e, se non funziona,

Possibilità immense

Aziende di settori molto diversi utilizzano già stampanti 3D per generare prototipi di prodotti, parti o strumenti per i loro processi di produzione; nella formazione professionale e nelle università per creare prototipi e anche oggetti funzionali che si applicano alla robotica, all’elettronica, alla meccanica, all’architettura, ecc .; o nei laboratori di ricerca per adattare i propri strumenti. Nel 2013, secondo i vari dati gestiti da Bengoetxea, il fatturato dell’industria delle stampanti 3D ha raggiunto 895 milioni di euro, e ci sono studi che stimano che entro il 2025 potrebbe esserci una fascia compresa tra 3.200 e 47.000 milioni di euro. . Szilárd Kados, grafico e ingegnere 3D presso DeustoTech, l’Institute of Technology dell’Università di Deusto, evidenzia altre stime per il 2013 intorno al 2.

3.200 e 47.000 milioni di euro. Szilárd Kados, grafico e ingegnere 3D presso DeustoTech, l’Institute of Technology dell’Università di Deusto, rileva altre stime per il 2013 di circa 2.000 milioni di euro e previsioni di un aumento del 600% entro il 2018.

Poiché il suo utilizzo è diversificato e generalizzato, le stampanti 3D ei loro risultati possono essere visti sia nello spazio che nella casa di un appassionato di questa tecnologia. La US Space Agency (NASA) ha portato la “Zero-G”, una stampante 3D, alla Stazione Spaziale Internazionale per studiare le possibilità di stampare oggetti 3D a bordo di veicoli spaziali. Gli astronauti sarebbero quindi più autonomi e non dipendono dalla fornitura di nuove parti o elementi dalla

Terra, essenziali per le missioni su altri pianeti. L’Agenzia spaziale europea (ESA) ha lanciato il progetto “Amaze” per lo sviluppo di queste tecniche, mentre organizzazioni come Inspiration Mars Foundation o Mars Wane le considerano fondamentali in modo che nel giro di pochi decenni ci saranno colonie con gli umani sul pianeta rosso.

Senza bisogno di andare nello spazio, l’aspetto della distribuzione e della logistica è un altro problema che cambierà completamente. Come sostiene Javier Pedreira “Wicho”, uno degli autori del blog tecnologico Microsiervos, “in un luogo isolato, se hai una stampante 3D e la materia prima necessaria puoi produrre pezzi di ricambio o forniture che sono necessarie senza dipendere da nessuno portateli lì “. 4

La stampa 3D si adatta alle esigenze dei suoi utenti, in modo che possano essere realizzati da piccoli pezzi a prodotti più grandi come edifici o automobili. La società cinese Winsun New Materials costruisce case in un giorno da pezzi stampati prefabbricati. Lo studio di architettura danese Eentileen e la società Facit Homes, specializzata nella creazione di abitazioni personalizzate, hanno allestito Villa Asserbo, una casa unifamiliare in 3D. Ad Amsterdam, lo studio Dus Architect ha progettato un edificio, Print Canal House, con una stampante 3D creata in modo che potesse produrre i pezzi con le dimensioni richieste. I designer londinesi Zero Zero hanno inventato un sistema per costruire spazi abitativi con componenti che possono essere ottenuti su Internet, per essere stampati e montati ovunque.

Kor Ecologic è un’azienda canadese che ha creato la “Urbee”, un’auto ibrida con parti ottenute con una stampante 3D. Il veicolo percorre 100 chilometri con 0,86 litri di biocarburante e costa 55.000 euro, la metà di quello che sarebbe stato con i metodi convenzionali. Una squadra dell’Accademia di ingegneria del Gruppo Blea ha creato “Areion”, una piccola auto da corsa la cui stragrande maggioranza di pezzi è stata stampata in 3D da un modello digitale.

“La stampa 3D si adatta alle esigenze dei suoi utenti, in modo che possano essere realizzati da piccoli pezzi a prodotti più grandi come edifici o automobili”

Il settore medico-sanitario è uno di quelli che possono beneficiare di più. Oltre alla già citata protesi giovane Omar, un altro caso eclatante è quello di Kaiba Gionfriddo, un bambino di sei settimane in grado di respirare da solo che salvò la vita grazie ad un hard trachea artificiale 3D da un team della University of Michigan ( USA). Bespoke Innovations, con sede a San Francisco (USA), produce protesi personalizzate a un costo inferiore rispetto a quelle tradizionali. Organovo lavora allo sviluppo di “bioprinters”, per la creazione di organi umani con stampanti 3D da cellule staminali. Senza arrivare la creazione sintetica di organi per il trapianto, sebaraja la possibilità di creare copie di corpi in plastica stampati o altri materiali semplici per praticare operazioni complesse prima che siano con il paziente.

Anche il mondo della scienza può trarre un grande vantaggio. Una squadra dell’Imperial College di Londra ha creato la “sculplexity”, sculture create con stampanti 3D per dare vita a concetti matematici.

Stampa 3D per tutti i tipi di pubblico

Responsabile per la differenza Tumaker tra le aziende che offrono molto sofisticato e di nicchia per i diversi settori industriali, come ad esempio i prodotti Stratasys e 3D Systems, e le aziende che offrono “le stampanti 3D personali”. Ora, l’idea di averne uno a casa, proprio come quello tipico da stampare su carta, è ancora un po ‘lontano. Secondo Bengoetxea, stampanti 3D possono essere trovati “in kit”, che può essere di circa 300-400 euro, ma per estrarre le prestazioni deve sapere come montare e utilizzare, e questo richiede l’investimento “più lungo di solito disposti”.

Bustamante consiglia a chiunque voglia comprarne uno che pensa prima di ciò che vuole: “devi sapere come progettare in 3D. In caso contrario, sarà dedicato esclusivamente al download di progetti Internet già realizzati da altri utenti. ”

“Puoi trovare stampanti 3D” in formato kit “che possono aggirarsi intorno ai 300-400 euro, ma per ottenere le prestazioni devi sapere come assemblarle e usarle, e per questo è necessario investire più tempo di quanto sia normalmente disponibile”

D’altra parte, ci sono le stampanti 3D “out-of-the-box”, pronte per la stampa una volta estratte dalla confezione. Bengoetxea sottolinea che, a seconda delle caratteristiche e delle funzionalità, possono costare tra 1.000 e 2.000 euro “, ma offrono affidabilità e qualità professionale e cominciano ad approssimarsi nell’usabilità e costano ciò che i non esperti possono aspettarsi.” La vostra azienda ha optato per uno di questi modelli con il cosiddetto ‘Voladora V2’.

“La possibilità di replicare qualsiasi prodotto aumenterà i problemi con la violazione di brevetti o diritti d’autore”

Mentre arriva il momento, come altre tecnologie, in cui la facilità d’uso e il prezzo li rendono accessibili a un vasto pubblico, puoi scegliere aziende che offrono la stampa 3D. Differenza di Kados tra stampanti 3D brevettate e stampanti “open source” (entrambe possono essere trovate in Euskadi). I primi, quasi tutti con tecnologia brevettata negli Stati Uniti, sono distribuiti da varie aziende e offrono persino la possibilità di stampare modelli 3D, come DeustoTech stesso. Le seconde consentono a qualsiasi azienda di sviluppare la propria stampante 3D e venderla, come Tumaker.

Le applicazioni più “domestiche” sono sempre più diversificate e originali: i giocattoli personalizzati dell’azienda Imaginarium; piatti alimentari originali dell’azienda di Barcellona Natural Machines; scarpe da ginnastica per migliorare le prestazioni dei corridori di marchi come Puma, Nike o Adidas; gioielli con disegni unici dell’americana New Pearl; Miniature 3D per la ricostruzione della scena di un crimine da parte della polizia di Tokyo; repliche esatte di famosi dipinti della compagnia russa Prixel; abiti per l’attrice e ballerina Dita Von Teese; custodie per cellulari di Nokia; cuffie che si adattano perfettamente alle orecchie della compagnia newyorkese Normal; il busto del presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, per una squadra dello Smithsonian Institute; e un ecc. che sarà visto nei prossimi anni. Come sottolinea Bengoetxea, “siamo appena entrati in un processo in cui le persone realizzeranno qualsiasi cosa ovunque siano e quando ne hanno bisogno. Quasi niente. “