La stampa 3D inizia ad entrare nelle case

Le stampanti 3D vengono aggiunte all’infrastruttura che cambierà il mondo – Internet, energie rinnovabili -. “L’invenzione del millennio”, lo chiamano. Basta dare un’occhiata alle fortune che ora escono in “Forbes”: Stratasys e 3D Systems, i due imperi della stampa 3D. “La crescita aumenterà drasticamente nei prossimi 5-10 anni”, afferma Andy Middleton, vicepresidente senior di Stratasys. Parla già di un futuro con “Personalizzazione di massa 3D”.

Un’invenzione di 31 anni fa!

C’è una curiosità banale: la stampa 3D è un’invenzione di 31 anni fa! Esisteva già quando i CD iniziarono a uscire e Microsoft annunciò la sua prima versione di Windows. Steve Jobs of 3D è Chuck Hull. Nel 1983, un sistema di produzione di addizione è stato estratto dalla manica: strati successivi di materiale sono stati depositati, uno sopra l’altro, fino al completamento di un solido oggetto tridimensionale. Lo brevettò nel 1986 e fondò la società 3D Systems, dove continua a lavorare, con 75 anni, ancora sorpreso dal successo della sua idea. Un boom in espansione mentre i brevetti scadono ei prezzi diventano più economici.

Chuck avrebbe dovuto setacciare i suoi baffi quando vide le stampanti in Cina di 6,6 metri di altezza e 32 metri di lunghezza. Con loro, la società Winsun ha stampato 10 case a una velocità compresa tra 20 e 60 metri quadrati. “Ora stamperemo una casa a due piani, in totale di 200 metri quadrati”, annunciano dal dipartimento marketing. In medicina anche stampati nuove applicazioni 3D giornaliero: se un sostituto per intonaci, che se una protesi della gamba meno di 100 euro. Le notizie che più suonano sul futuro del film sono quelle che provengono dalla società americana Organovo e dal suo bioprinter. “Oggi molti tessuti possono essere stampati su piccola scala, inclusi fegato, polmone, vene o pelle”, rispondono dall’azienda.

Bloccato in cucina

Le stampanti 3D stanno anche facendo della saliva il settore gastronomico. L’anno prossimo andrà in cucina Foodini, un’invenzione che sembra presa da “Star Trek”. Ti ricordi il ‘replicatore’ che ha generato piatti di cibo solo chiedendoli? Da Foodini arrivano sferificazioni degne di Adrià, quiche di spinaci a forma di dinosauro, biscotti che danno la pasta come una ragnatela. È un’invenzione di un’azienda di Barcellona, ​​Natural Machines. Hanno già ordini da più di 45 paesi (in particolare Cina e Stati Uniti). Più che una stampante alimentare 3D, sembra una fabbrica di cibo in miniatura, paragona Emilio Sepúlveda, uno dei fondatori dell’azienda. “L’operazione ricorda in alcuni aspetti quella delle macchine da caffè con capsule, poiché gli ingredienti sono introdotti in capsule”. L’utente sceglie la ricetta su internet, Foodini indica quali ingredienti devono essere inseriti in ciascuna capsula e la piastra viene stampata. “Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a cucinare a casa senza dover sapere come farlo, in breve tempo, usando ingredienti freschi e con poche parti adeguate alla persona che sta per mangiarle.” Ad esempio: una pizza per una persona.

Hanno investito tre anni di lavoro e più di mezzo milione di euro, e ora stanno avviando la fabbrica. Lavorano principalmente con investitori dagli Stati Uniti e dall’Asia. “Mantenere la compagnia in Italia significa aggiungere ulteriori difficoltà”, afferma Emilio. “È un peccato, perché c’è un sacco di talento e voglia di fare cose, ma in questo paese ci sono altre priorità”. Si aspettano che ci sia un Foodini in ogni casa. “Stiamo aggiungendo una serie di sistemi e funzionalità che ci consentono di sostituire qualsiasi apparecchio esistente”, afferma Emilio. Mirano anche a normalizzare il cibo delle persone con allergie e intolleranze alimentari. “Stiamo vedendo come possiamo riprodurre con altri ingredienti alternativi gli stessi piatti degli altri”. Il dispositivo, per ora, costa circa 1.000 euro.

I capi delle grandi aziende non si chiedono più se in futuro ci sarà una stampante 3D in ogni casa, ma in quale stanza. Secondo gli studi di mercato di 3D Printing Bible – Terry Wohlers – le vendite mondiali raggiungeranno i $ 6 miliardi nel 2017; raggiungeranno i 10.800 milioni nel 2021. Chiunque abbia appena messo gli occhi a forma di dollaro per preparare machete e salacot per ottenere informazioni. “È inquietante vedere la semplificazione eccessiva della tecnologia 3D”, avverte Wohlers, “si suppone di premere un pulsante e improvvisamente appare una cosa nuova e abbagliante”. Nel mondo reale, prima di premere il pulsante, qualcuno deve progettare quella cosa nuova di zecca. E poi, probabilmente dovrai aspettare ore per stampare.

Mini yos per torte nuziali

Devi leggere con occhi scettici. C’è più di un falso comunicato stampa. Sono venuti per parlare di cloni vivi con la stampa 3D. “È scritto senza conoscenza diretta o usando comunicati stampa falsi (pubblicità segreta di marche di stampanti 3D)”, denuncia Cleto de Matos, responsabile di ThreeDee-You. “Ecco perché abbiamo distribuito un comunicato stampa di fantascienza [quello dei cloni viventi] lo scorso anno che è stato pubblicato in una dozzina di media”.

ThreeDee-You, con sede a Madrid, crea miniclones (al momento, senza vita) dal 2010. Ritratti scultorei. Il suo è il marchio registrato di sculture fotografiche. Il più venduto: mini-yos per torte nuziali, comunioni e compleanni. È come andare in uno studio fotografico, ma tutto nero e con un piedistallo al centro. Il cliente posa due secondi e mezzo e tre settimane dopo riceve una foto-scultura di tipo ceramico. Costano tra 69,50 e 299,50 euro. Fino al 20, puoi vedere un campione di queste piccole persone nella hall dell’Hotel Silken Puerta América, a Madrid. Cleto de Matos è scettico. “Ultimamente tutti i media mettono molta enfasi sullo strumento e nessuno sul lavoro, come se a qualcuno interessasse la marca di pennelli o olio che Picasso usava”. 

Altri ricordi scultorei che stanno diventando di moda sono le ecografie stampate in 3D. Minene3D li fa per 99-189 euro. È un’idea che ha già permesso, ad esempio, che una coppia cieca conoscesse il loro bambino prima della nascita, spiega Nacho Pulido, promotore della compagnia. 

Questo è per i geek

“Sii realistico, chiedi l’impossibile”, sfida uno dei muri di EntresD, il primo negozio-showroom in Catalogna dedicato interamente alla vendita di stampanti 3D. Davanti alla vetrina, ci sono tre stampanti 3D con il loro ruggito di budella circondate da piccole figure che ne sono uscite: una gallina, un robot articolato, il volto di Justin Bieber. Le stampanti fischiano a volte come se le stessero uccidendo. “Per avvisare di ciò che bruciano”, Marc Torras, fondatore dell’azienda, si giustifica per loro. L’anno scorso ha portato 50 stampatori dalla Cina, dove ha vissuto per 11 anni. Ha già venduto quasi 500. “Questo è per i geek”, ci hanno detto. Quindi lo presentiamo alla fiera del fumetto, ricorda. La prossima settimana, il telefono non si fermerebbe. ” Ma erano i genitori dei visitatori della stanza. I tuoi clienti: “dipartimenti di progettazione di qualsiasi azienda”. Per realizzare prototipi, soprattutto. “Questo [Marc prende una gallina di plastica] prima che costasse 300 euro. Ora costa 30 centesimi. ” Cosa succede se è difficile? Marc risponde senza rilasciare il pezzo di plastica. “Questa gallina le ha fatto un bambino di 6 anni con un seminario di mezz’ora”.

Sua sorella Maria, al suo fianco, è in grado di insegnare come progettare un adulto in meno di 10 minuti (attesta lo scrittore che lo scrive). Puoi provare gratuitamente su tinkercad.com, ad esempio. Esistono già siti Web in cui sono appesi i disegni di Facebook. Ti piace, stampalo direttamente, o modificalo e appendilo di nuovo. Nella vetrina di Thingiverse (www.thingiverse.com) ci sono pezzi di ricambio di Ikea, e anche mani bioniche, che gli amputati possono essere stampati man mano che crescono. Un pezzo cavo dell’altezza dell’indice – la gallina prima – impiega mezz’ora per stampare. Un Terminator ha le dimensioni del palmo della mano, circa 5 ore.

Sesso 3D

La cosa più strana che hanno visto uscire da una stampante 3D? Marc guarda sua sorella: “Non diventare rosso”, ride. María insegna un post che ha scritto sul blog della compagnia: “Sex in 3D”. Il mercato X è stato il primo a recuperare. La firma Makerlove offre già disegni gratuiti di vibratori con il capo di Justin Bieber o Hello Kitty pronto per il download. Dildo-Generator permette di creare dildo personalizzati da un cilindro deformato secondo il gusto del designer. 

I Torras hanno addirittura proposto di stampare pistole (ci sono già delle riprese su YouTube). “Quando si evolverà di più, dovranno lasciare nuove leggi che regolano questo”, Marc sottolinea. “Puoi stampare una pistola, ma non puoi averla. Come il copyright: se disegno un Darth Vader, posso appenderlo sul nostro sito web mentre lo offro gratuitamente. ” 

Marc Torras parla di fronte a quattro file di rulli colorati. A prima vista sembrano rulli per cavi, ma no. È il filamento, il nuovo materiale ubiquitario. Se qualcuno parla di “stampante 3D”, senza più, molto probabilmente si riferisce a una stampante a filamento. FDM o FFF. “Fabbricazione con filamento fuso”. Sarebbero diventati la Ford T delle stampanti 3D. Sono i più venduti. Il più economico Le parti di ricambio sono quelle bobine di filamento che stanno dietro a Marc (un rotolo di 1 chilo costa circa 20 euro e i riciclatori stanno già uscendo che trasformano di nuovo i pezzi in filamenti). Come funzionano? La stampante scioglie la plastica e la rilascia strato per strato nella busta da pasticcere.

Il più economico, 600 euro

Marc vende stampanti 3D montate su desktop. Il più economico, 660 euro (più IVA). L’anno prossimo, forse tra due anni, costerà 300. “Ci sono persone che li portano già a casa, i ‘primi adottanti’. Ma il grande mercato costa ancora “, ammette. “È una rivoluzione nel mondo del design industriale [prototipi, pezzi di ricambio]. Resta da vedere se ci sarà una rivoluzione nel consumo “. 

A questo punto, quando un neonato in stampanti 3D inizia a girare gli occhi, qualsiasi distributore ti porrà una semplice domanda: “Perché lo vuoi?”. Stampanti possono essere trovati da 200 euro a 400.000, che è quello che costa la Fortus 900mc, il più grande filamento stampante sul mercato (ha l’altezza di una persona). A proposito, ci sono 8 nel mondo e uno di loro è a Saragozza dallo scorso luglio, presso il centro tecnologico Aitiip. Stampano prodotti per il settore aeronautico, automobilistico e persino sportivo d’élite. Da questa stampante è arrivata la maschera protettiva con cui il giocatore dell’Atlético Mario Mandzukic si è allenato. 

Molto probabilmente, ora sta pensando di cercare su Google “stampanti 3D a basso costo”. Questo ti porterà completamente nella comunità RepRap, un’altra nuova parola da indicare nel buon manuale moderno. Sono modelli hardware gratuiti (campan gratuiti via internet) e auto-replicanti (alcuni possono stampare i propri pezzi). La filosofia RepRap sarebbe diventato la punta háztelo-da-te: scendere istruzioni, andare a trovare i pezzi al negozio di ferramenta, assemblare, calibrare, filo, saldatura, forse 50, 100 euro in totale, ma un calvario per chi guarda rispetto ad un trapano. “Almeno devi essere piccole mani”, avverte un ingegnere che ne ha montato uno da solo. Quindi il fai-da-te si è evoluto per costruire-la-propria-stampante-in-un-laboratorio-che-include-un-kit-con-tutti-i-pezzi. Con l’aiuto, può richiedere un giro tra 7 ore e 2 giorni. 

Ci sono già più di 200 marchi RepRap in tutto il mondo. Si può anche trovare un nome del modello RepRap di Barcellona: 3D BCN, di RepRapBCN, un progetto della Fundació CIM presso l’Università Politecnica della Catalogna, che vende stampanti on-line (da 660 euro) e organizza workshop e seminari tecnici (tutti i redditi vanno alle borse di studio). 
Lo svantaggio della RepRap che i distributori di aria di altre stampanti: che devi toccare anche loro. Il vantaggio con cui i suoi accoliti contrastano: che se qualcosa va storto, sai esattamente cosa succede. “E la macchina può espandere con gli amici e le comunità,  ” ha dichiarato Rodrigo Carbajal, uno dei fondatori di Studioseed, che organizza anche laboratori RepRap.

Attenzione alle stampanti a buon mercato, avverte un collaboratore dello studio, Affonso Orciuoli, un architetto brasiliano che è stato nel mondo 3D per quasi 20 anni. “Vi daranno molti problemi.” Sia lui che Rodrigo prevedono che avremo tutti una stampante 3D a casa. “Come ora tutti hanno una stampante a getto d’inchiostro”, aggiunge Rodrigo. “Lo usi? Per stampare qualsiasi cazzata. Se avessi dei bambini, comprerei una stampante 3D invece di comprare giocattoli. ” Il più surreale che è stato trovato: che una stampante riproduce la melodia di “Star Wars” con il rumore che emette quando stampa.

Senza una stampante a casa, è già possibile stampare in 3D in un buon numero di negozi di copie e persino nei caffè (il primo FabCafé in Europa è stato aperto a marzo a Barcellona). Esistono servizi online, come 3Dhubs, in cui si invia il tuo .stl (il formato dei progetti 3D), si sceglie una città e tutte le aziende che forniscono servizi di stampa 3D, con i loro prezzi, materiali e indirizzi. A Barcellona, ​​34 alternative escono in un clic; a Madrid, 30; a Londra, 95; a New York, 128.

“L’Europa non è gli Stati Uniti, e l’ Italia è ancora meno. Sono rimasti nel filamento. ” Devi salire un passo nel mondo 3D per parlare con Joan e Oriol Raventós, 29 e 28 anni, cugini e fondatori dello start-up Stalactite3D, con sede a Barcellona. Solo con il prototipo della sua stampante ha vinto oltre 5.000 proposte nel concorso HighTech XL Start-Up BootCamp Accelerator Eindhoven (Paesi Bassi). Il suo merito: progettare “la prima stampante europea di steriolitografia desktop ad alta definizione”, dicono di corsa. Per il resto dei mortali, sarebbe la BMW delle stampanti 3D. € 2.895 (più IVA). 

La stereolitografia è un altro tipo di stampa 3D. Invece di rotoli di filamenti, dice Oriol, usa un liquido che è solidificato da un laser o un proiettore. I pezzi sono molto più definiti. Inoltre, possono stampare oggetti elastici e lavorare con materiali per processi di fusione (stampi per gioielli in oro o argento). È rivolto al settore professionale. “Riceviamo consulenze da gioielleria, protesi dentarie, modellisti, architetti”, dice Oriol. Dalla sua stampante sono arrivate a prostituire parrocchetti e gioielli per il cinema.

Hanno iniziato con “crowfunding”. “È la formula che è diventata di moda perché non ci sono finanziamenti da nessuna parte”, Oriol si dimise. Nel mondo delle stampanti 3D, segna molto il trampolino di lancio, aggiungono. “Oltre ad ottenere finanziamenti, è un modo per farsi conoscere in tutto il mondo. Quello buono è Kickstarter, ma puoi metterti lì solo se sei una compagnia americana o britannica. ” Sono stati lanciati su Indiegogo. In due mesi hanno raccolto 50.000 euro. “Di questo tipo di stampante, Kickstarter ha impiegato meno di mezzo milione di dollari”.

Città nello spazio

Cosa vedremo uscire da una stampante 3D nei prossimi 5 anni? In 10? Nel 50? “Arriva un momento in cui non sei più sorpreso”, scrolla le spalle Nacho Mor, CEO del primo centro di stampa 3D offline in Italia, Just Make. “Si parla di costruire città nello spazio attraverso la stampa 3D”, aggiunge. Al momento, si sta cavalcando con Reimagine alimentari e chef Paco Morales cena per 3 dicembre (3D) che si terrà contemporaneamente a Barcellona e New York e in cui tutto verrà stampato in 3D: il padiglione, mobili, stoviglie e cibo.

Il limite? “Non c’è limite”, la maggior parte dei distributori scuote la testa. Tutti aspettano come un Messia per le stampanti multi-materiale, che possono stampare plastica, stoffa, metallo … Quella sarà la rivoluzione domestica, prevedono. Sebbene siano convinti che la stampa 3D non sarà in concorrenza con la produzione di massa. “Non usiamo stampanti di carta per stampare libri.” Al momento, i designer 3D stanno iniziando a diventare i nuovi tuttofare: qualcosa è rotto, lo progettano, lo stampano, 50 centesimi. Quindi, chiunque voglia uscire dalla disoccupazione, dicono, impariamo a progettare in 3D. O, meglio ancora, vendere i pezzi di ricambio delle stampanti. “Quello sarà il business.”