Stampa 3D per cosa?

Stampa 3D in Education

“Le scuole saranno in grado di creare creatori di spazi che avranno strumenti di produzione digitale, come stampanti 3D …”

Il pensiero collettivo secondo cui i bambini devono essere stimolati e quindi formare la prossima generazione di scienziati, ingegneri e creatori è una tendenza globale.

In Giappone, la promozione della stampa 3D nel settore dell’istruzione è già iniziata, con l’obiettivo che da tempo i bambini sono abituati a creare. La scuola primaria di Suginami, Tokyo, ha iniziato nel 2014 un corso speciale di stampa, Qremo 3D, per bambini di 6 anni, per promuovere il pensiero attraverso piattaforme tecnologiche. L’obiettivo è portare i bambini fuori dalla scrivania e offrire loro esperienze pratiche in programmazione, robotica, progettazione digitale e stampa 3D.

Attualmente nelle università giapponesi è già comune vedere i progetti relativi alla stampa 3D come l’opera architettonica creata dal professor Kenko Kuma con penne 3D.

Negli Stati Uniti, quasi 1.000 scuole primarie hanno già installato stampanti 3D nelle loro classi di scienze, e il Regno Unito segue da vicino.

Il corso di stampa 3D di Qremo è un inizio e un fantastico esempio di come cambiare il settore dell’istruzione. La proiezione è che entro il 2020 queste attività tecnologiche sono stabilite nella maggior parte delle istituzioni educative.

Stampa 3D per professionisti e aziende

Secondo Deloitte Poland, il valore dell’attuale industria 3D è di 4.8 trilioni di dollari e si prevede che entro il 2020 raggiungerà $ 20.5 trilioni.

Lo studio copre un’analisi della crescita fino al 2025 ed è stato commissionato dal produttore polacco Zortrax, una delle aziende più riconosciute del settore. Il team di consulenza di Deloitte ha studiato diversi report realizzati nel settore per fornire una previsione globale della crescita e dei turni del settore nei prossimi anni, nonché dei principali attori industriali e dei consumatori.

Uno dei motivi principali per giustificare la crescita prevista è l’arrivo di HP e della sua nuova tecnologia 3D Jet Fusion. La sua tecnologia di stampa rende la produzione additiva più accessibile per le piccole e medie imprese e consente lo sviluppo di nuovi materiali e finiture nei pezzi.

L’analisi parla anche delle prospettive di crescita della stampa 3D personale e sono molto favorevoli. Lo studio parla di miglioramenti nella tecnica FDM e dello sviluppo di nuove tecnologie nelle stampanti desktop.

“Mentre le stampanti 3D desktop sono state utilizzate da amatori o per uso limitato nel settore dell’istruzione, gli stampatori stanno trovando sempre più applicazioni in vari settori come ingegneria, design del prodotto, arte, gioielli, odontoiatria e prodotti di consumo. ”

Fai da Te

Persone irrequiete, educatori, artigiani, ingegneri, studenti, artisti, designer appassionati di tecnologia e tutti coloro il cui pensiero ruota intorno a come inventare o creare nuove cose.
Il movimento Maker è la cultura del fare con i propri mezzi, il “Fai da te” (o fai-da-te). Il movimento è nutrito da persone irrequiete e appassionati di tecnologia.

Il maker, talvolta chiamato anche ‘movimento macchina’ o ‘terza rivoluzione industriale’, è un movimento culturale contemporaneo che sovverte fabbricazione tradizionale utilizzando concetti innovativi come open source, micropatronage, fabbricazione digitale personale e di fabbricazione.

“Fin dalla prima rivoluzione industriale, il potere di fare le cose su larga scala appartiene a coloro che possiedono i mezzi di produzione, il che significa grandi fabbriche, grandi aziende e la produzione di massa di beni di mercato. Tuttavia, lo stesso si può dire dei media nel 20 ° secolo, eppure siamo stati in grado di vedere cosa ha fatto Internet e la sua lunga coda di contenuti. Ora immagina invece di una lunga coda di contenuti, una delle cose: beni fisici creati con il modello di innovazione digitale del web.

Questo è il movimento dei maker. ” – Chris Anderson I 3 pilastri del movimento Maker

Ci sono tre forze sottostanti in questa trasformazione della produzione tradizionale e del “Fai da te”. Il primo è l’emergere di strumenti digitali per la progettazione e la produzione. Le apparecchiature industriali sono state informatizzate per decenni, ma ora quelle macchine sono finite sul desktop personale, (allo stesso modo, il computer centrale esisteva da decenni prima che l’umile ma generalizzato PC cambiasse il mondo.)

Gli strumenti di “produzione” Desktop “include la stampante 3D, il laser cutter, lo scanner 3D e il software CAD (progettazione assistita dal computer). Tutti questi strumenti industriali precedentemente costosi e complessi sono ora disponibili in dimensioni personali, con prezzi adeguati.

Il secondo fattore è composto da media digitali collaborativi. Quando gli strumenti di creazione sono diventati digitali, così hanno fatto i progetti, che ora possono essere facilmente condivisi online . In questo modo, i produttori possono trarre vantaggio dall’innovazione collaborativa sul web, sfruttando le pratiche open source e il resto delle forze sociali che sono emerse online negli ultimi due decenni. Spinti dai siti di crowdfunding, i produttori possono persino utilizzare la loro rete per raccogliere fondi. Il vecchio modello amatoriale che fa le cose da solo nella sua cantina sta cedendo il passo a un movimento mondiale di persone che lavorano insieme online. I workshop in tutto il mondo sono ora collegati.

Il terzo elemento è l’emergere della fabbrica in affitto. Inventare qualcosa di nuovo non è abbastanza; Devi farlo commercializzare troppo, idealmente in quantità. Questo significa produzione di massa, e tradizionalmente questo è stato riservato a persone che possiedono una fabbrica o possono permettersi di iniziare i servizi di una.

Ma oggigiorno le fabbriche di tutto il mondo sono sempre più accessibili sulla rete, aperte a ordini di qualsiasi dimensione per qualsiasi persona, a qualsiasi scala.

Mettendo tutto questo insieme, c’è una trasformazione verso l’alto della produzione che sta seguendo le simili traiettorie democratizzate della tecnologia dell’informazione e delle comunicazioni. È ancora molto recente (per continuare con l’analogia con il PC, la produzione desktop è quella in cui il desktop publishing era nel 1984, con il Mac e le prime stampanti laser di consumo).

Ci sono diversi libri su questo movimento, tra cui “Makers: The New Industrial Revolution” scritto da Chris Anderson e “The Maker Movement Manifesto.” Scritto da Mark Hatch. V’è anche una caratteristica documentario -LUNGHEZZA chiamata “caffè”, che mostra l’impatto di questo movimento nella società, la cultura e economía.

Design e arte

La stampa 3D è una tecnologia che ha acquisito uno slancio speciale negli ultimi anni, con l’indebolimento delle stampanti e il miglioramento dei prodotti che queste macchine sono in grado di creare.

Oltre alle innumerevoli implicazioni che la stampa 3D consente per l’innovazione sociale, per la trasformazione dei processi industriali e per la nostra vita quotidiana, la verità è che questa tecnologia apre anche enormi possibilità per l’arte, consentendo agli artisti di riflettere su molte domande che sono sempre state affrontate sia nel campo dell’arte digitale, come nella scultura o nella fotografia.
Una di queste domande classiche dell’arte è come catturare il movimento.

Da questo punto di vista possiamo avvicinarci al lavoro dell’artista digitale Eyal Gever, che crea modelli digitali 3D di oggetti per eseguire successivamente simulazioni di scontri violenti o altre catastrofi. Quindi, scegli un fotogramma della simulazione e crea un’impressione 3D con esso.

Così, oltre ad avvicinarsi alla fisica e alla matematica dei disastri, Gever cerca di catturare momenti che nessuno scultore potrebbe catturare, data la natura radicalmente effimera di questi eventi.

Altri artisti sono stati interessati, tuttavia, alla possibilità di creare oggetti tridimensionali da onde sonore, radiazioni, registrazioni sismografiche o altri dati che si riferiscono a eventi riconoscibili o con forte contenuto emotivo.

Sophie Kahn(foto), nel frattempo, riflette con il suo lavoro su un tema altrettanto interessante. Ciò che le interessa è ciò che viene mostrato e ciò che è nascosto sia dal nostro sguardo che dalle lenti fotografiche. Per questo, esegue la scansione di volti e corpi, quindi crea impressioni 3D che ricreano i punti ciechi dello sguardo nel modo di “buchi”.

Inoltre, l’artista è interessato alle risonanze della storia dell’arte portate dalla tecnologia, come il fatto che le scansioni 3D possono sembrare simili alle sculture classiche degradate dal tempo.
Per coloro che vogliono conoscere più artisti e opere che usano la stampa 3D come mezzo espressivo