Mondi nuovi con la stampa 3D: Marvel progetta

Senza oggetti di scena, alcuni dei più grandi film di successo di Hollywood non esisterebbero. Russell Bobbitt, capo degli oggetti di scena dei Marvel Studios, ha più di 30 anni di esperienza nella progettazione di film, avendo prestato le sue abilità a blockbuster come Iron Man, The Avengers e Guardians of the Galaxy. In qualità di artista di scena, Bobbitt è responsabile di molti degli oggetti più importanti sullo schermo.

“Nel mondo Marvel, sono responsabile dello scudo di Capitan America, del martello di Thor e degli Arc Reactor di Iron Man (la luce sul suo petto), tra le altre cose”, ci ha detto Bobbitt. Ma Bobbitt non lavora solo sui pezzi più visibili, dal momento che essenzialmente qualsiasi cosa tocchi un attore, anche una maniglia, è considerata un oggetto di scena.

La creazione di oggetti di scena richiede creatività, immaginazione e precisione incredibili. Questi sono i punti in cui interviene la stampa 3D. Durante il 3d-type User Summit, Bobbitt ha spiegato come è stato in grado di sfruttare la stampa 3D alla Marvel.

Introduzione alla stampa 3D per il mondo del cinema

Bobbitt ha iniziato la sua carriera nella stampa 3D grazie a JJ Abrams, durante le riprese del suo film Star Trek del 2009. Abrams voleva che un poliziotto su una motocicletta volante tirasse fuori una pistola a raggi. Quando Bobbitt ha chiesto indicazioni al direttore, Abrams gli ha detto che aveva una stampante 3D nel suo ufficio. Bobbitt si mise al lavoro, collaborando con una persona esperta nel disegno CAD per progettare una pistola a raggi. “Ci siamo seduti, abbiamo estratto la pistola e lui ha premuto il pulsante di stampa”, ha detto Bobbitt. “È così che sono stato introdotto alla stampa 3D, da JJ Abrams in Star Trek.

Il giorno successivo avevamo la pistola. L’ho fatta dipingere rapidamente dai pittori e l’abbiamo usata [la pistola a raggi] direttamente dalla macchina.”. Niente stampi, niente casting, niente niente.24 ore dopo un regista del genio di JJ Abrams ci ha proposto un’idea; Sembrava quasi che ci stesse mettendo alla prova. Bene, lo avremo per domani. E penso che sapesse nel profondo che avrebbe finito per mandarmi alla stampante 3D“.

A quel tempo, le stampanti 3D non erano così accessibili come lo sono ora. Bobbitt ricorda la prima stampante 3D che ha usato, che valeva una grossa somma: $ 150.000. Era così convinto che la stampa 3D avrebbe svolto un ruolo importante nella progettazione di oggetti di scena che ha detto: “Ho immediatamente iniziato a conoscere la stampa 3D e ho detto a tutti i miei amici illustratori che lavorano con le matite che è meglio che ottengano un computer”.

Il processo di stampa 3D per la creazione di oggetti di scena

I processi di lavoro per la stampa 3D variano in base al settore e alle applicazioni. Bobbitt ha perfezionato il suo processo di lavoro per il frenetico settore dell’intrattenimento. Tutto inizia con la lettura di uno script. “Nove volte su dieci, sono diventato il produttore del settore. Quindi mi chiamano quando hanno un carico di produzione elevato piuttosto che per una commedia romantica… Come sarà un’arma dallo spazio tra 2.200 anni? “”Sono io quello che immagina tutto questo”, spiega Bobbitt. Fa un elenco dei pezzi importanti e lavora con un team di illustratori per disegnare gli oggetti di scena. Presenta quindi gli schizzi al regista. Da lì, Bobbitt e il regista decidono quali schizzi diventano oggetti di scena fisici. “E quando avremo il via libera,

La prossima cosa è incontrare l’attore per discutere di eventuali modifiche che potrebbero essere necessarie. “Poi vado nel processo di produzione quando ho l’approvazione e gli attori sono a proprio agio con l’idea. La dimensione viene decisa sulla stampante 3D. Ad esempio, Stormbreaker, il nuovo martello di Thor, lo abbiamo costruito in 34 pezzi, assemblandolo come se era un trofeo”, ha detto Bobbitt. Bobbitt ha lavorato direttamente con Chris Hemsworth per adattarlo a Stormbreaker, poiché con ogni oggetto di scena, Bobbitt deve trovare la scala giusta.

La stampa 3D consente di risparmiare molto tempo nella produzione di oggetti di scena e incoraggia la creatività nel processo di progettazione, rendendo possibile la creazione di dozzine di prototipi in loco. Il processo di progettazione diventa più flessibile e fluido e gli oggetti di scena possono essere eseguiti in modo efficiente.

“Poi stampiamo la parte finale ed entriamo in produzione. Non è che facciamo un unico prototipo. Potremmo realizzare otto o 10 prototipi per scoprire esattamente di cosa abbiamo bisogno prima di spendere un sacco di soldi in siliconi molto costosi per realizzare stampi, scioglili e vai storto”, ha detto Bobbitt. “Prima era uno scultore incaricato di realizzare gli oggetti di scena: ne scolpiva uno grande, poi uno più piccolo e così via.”

Il futuro della stampa 3D nel settore dello spettacolo

Bobbitt ha oltre 30 anni di esperienza nel settore dell’intrattenimento e i cambiamenti nel corso degli anni sono stati enormi. “Prima, quando lavoravo ai film, non avevo nemmeno un telefono cellulare, solo un cercapersone, e ora abbiamo le stampanti 3D“, ricorda.

La stampa 3D ha trasformato la produzione di oggetti di scena. Per Bobbitt, la stampa 3D è uno strumento che usa ogni giorno. “Quello che stiamo scoprendo è che sempre più, man mano che impariamo a progettare, disegnare e stampare, la stampa 3D sta diventando una cosa di tutti i giorni. È uno strumento molto utile. Ora nessuna buona idea viene sprecata … E che hanno preso un L’asse X e un asse Y e l’aggiunta di un [asse Z] è stato un punto di svolta per molti settori”.

Bobbitt stima di aver utilizzato la stampa 3D per stampare circa 100 oggetti di scena per film. “In questo momento, sto lavorando a cinque serie Marvel in streaming, oltre a un film… in qualsiasi momento posso stampare 200 pezzi. È un lavoro costante”, ci ha detto.

Con così tanti oggetti di scena da stampare, Bobbitt sperimenta materiali diversi. “Stampiamo da due a quattro parti con una resina dura. E se quella parte viene utilizzata in una scena d’azione, stampo da sei a 10 copie con la gomma in modo che se un’acrobazia deve rotolare, cadere o colpire qualcosa, una cosa fatta di gomma morbida”.

Il futuro della stampa 3D nel settore dell’intrattenimento è roseo, secondo Bobbitt. Essendo un veterano del settore, non è raro che venga chiesto come entrare nel business. Il consiglio che offre è: “Se sei un appassionato del mondo del cinema, sei un artista e puoi disegnare in 3D in CAD senza problemi, bussare alle porte, trovare persone come me, muoverti e arrangiarti, a seconda di dove ti trovi sono, dove l’industria cinematografica in quel momento… Beh, finendo per andare dalla California ad Atlanta, Louisiana, Carolina del Sud…”

Senza dubbio, c’è una grande richiesta di stampa 3D. Bobbitt aggiunge che “Puoi spostarti ed esplorare il paesaggio se vuoi costruire una carriera”.



Stampa 3D per cosa?

Stampa D per cosa

Stampa 3D in Education “Le scuole saranno in grado di creare creatori di spazi che avranno strumenti di produzione digitale, come stampanti 3D…” Il pensiero collettivo secondo cui i bambini…

Design generativo: Introduzione

design generativo introduzione

Il design generativo è il prossimo obiettivo della progettazione CAD per gli ingegneri che lavorano praticamente in ogni settore manifatturiero. Sfrutta la potenza dell’intelligenza artificiale (AI) per sviluppare nuove iterazioni…

Lascia un commento

Apri Chat
Salve 👋
Hai un esperto in linea di stampanti 3D.
Chiemi pure 😊